Taiji Quan

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 TAIJI QUAN                                                                                                                          
  - Se inteso come arte morbida il Taiji Quan è un esercizio di autorilassamento i cui lenti movimenti sono coordinati rispetto alla respirazione e diretti ad una mente serena, con doppio vantaggio sia per la salute fisica che spirituale. Il termine "Taiji" deriva dal nome antico "Mien Chuan" che significa "Pugno di cotone"; al di là del senso letterale, questa definizione vuole affermare il principio di tesi ed antitesi, dietro l'immagine della durezza del pugno e della sofficità del cotone. Il termine "Mein Chuan", nel corso degli anni, è mutato in "Taiji Quan" in cui "Taiji" meglio esprime l'idea di due principi che si alternano in complementarità. In cosmogonia orientale si intende per tesi ed antitesi con i termini di "Yin" e "Yang". La filosofia taoista afferma che l'Universo può essere considerato come una successione di trasformazioni di un Unico Principio che si manifesta attraverso due stati tra loro complementari e interdipendenti. Questi due stati possono essere spiegati in un rapporto continuo, in quanto eternamente l'uno scaturisce dall'altro. Questo movimento incessante viene definito "Taiji". Essi sono di un'ambiguità infinita, perchè non esiste Yang senza Yin, nè Yin senza qualche traccia di Yang. Yin Yang è un concetto filosofico sul quale la cultura Cinese getta le sue basi, al fine di spiegare le mutazioni che avvengono nell'universo. Essi rappresentano i due principi dell'universo e insieme scaturiscono dall'uno, o "Il Grande Principio". Il percorso che il discepolo compiva per raggiungere la capacità di essere canale dell’energia del "Grande Principio"veniva definito il Tao, La Via! Ecco l'importanza del Taiji: armonizzare i due opposti del nostro essere con la corretta pratica e il giusto sviluppo dell'energia. Attraverso una pratica corretta la mente consapevole si concentra sul Qi, ciò accresce la consapevolezza del flusso energetico attraverso l'intero corpo, migliorando la circolazione e ricaricando l'energia:   "Usa la mente per dirigere il Qi....Usa il Qi per infondere energia al corpo"   L'universo è costituito da cinque elementi: legno, fuoco, terra, metallo e acqua; ognuno di questi elementi assume un importanza fondamentale nel forgiare l’artista marziale. Egli dovrà passare per questi cinque stadi prima di giungere ad una tecnica perfetta. L’energia, il QI circola dappertutto e nell’uomo segue delle vie preferenziali chiamate meridiani. Esse sono vie energetiche che circolano in tutto il corpo e sul cui percorso sono distribuiti vari punti importanti. Attraverso questi punti si può influire sulla circolazione energetica. Potremmo paragonare l’agopuntore, o il massaggiatore, a un vigile che si occupa di far circolare correttamente il traffico. Studiando le complesse relazioni esistenti tra i vari meridiani si può ben capire come sia possibile curare un disturbo con punti situati anche in una zona lontana dallo stesso organo malato. Il Taiji Quan con la sua tecnica e la sua ginnastica permette di lavorare su questi meridiani ripristinando il corretto flusso energetico procurando enormi benefici alla salute dell'uomo. 

 - Se inteso come arte di combattimento il Taiji Quan può divenire uno strumento micidiale di difesa, infatti cambiando l’intenzione e il flusso respiratorio, la stessa energia che può guarire riesce a distruggere. Pertanto il praticante di arti marziali deve essere un profondo conoscitore dei Punti Vitali e del loro funzionamento e dell’influenza che essi hanno sugli organi interni. L’attacco a uno o più punti per difesa, avrà lo scopo di interrompere bruscamente il percorso energetico provocando seri danni alla salute dell’aggressore. Infatti per un corretto stato di salute, nell’uomo è importante che l’energia circoli in modo giusto ed efficace. Quando si verifica un blocco (traumi, variazioni climatiche, agenti interni) appare il dolore o la malattia in generale, nel caso più estremo anche la morte. Importantissimo è sapere dove e come colpire.  

NEL VIDEO DA SHIFU ANGELO D'ARIA NELLA FORMA 24 POSIZIONI