Convegno contro la violenza sulle Donne. educare la Donna alla consapevolezza di Sé

Convegno contro la violenza sulle Donne. educare la Donna alla consapevolezza di Sé


Domenica 11 aprile 2010, Giulianova (TE)
Presso la sala convegni del Kursaal, sul lungomare di Giulianova, si è svolto il
"Convegno contro la violenza verso Donne" dal titolo: "Educare la Donna alla valorizzazione di Sé". L’evento, patrocinato dal Comune di Giulianova in collaborazione con il Consorzio Ambito Sociale Tordino, è stato realizzato dall’Associazione Gymnasium 2000, da svariati anni attiva nella vita della comunità giuliese, e non solo, con le sue iniziative per il benessere e la sicurezza delle persone. Al Convegno, organizzato dal Prof. Luigino Iobbi, nella duplice veste di curatore dell’evento e di relatore, hanno preso parte esperti qualificati del settore.
Sotto la garbata e acuta direzione del Dott. Antonio Lera (psicologo e poeta), in veste di moderatore, si sono alternati gli interventi della Consigliera di Parità Micacchioni Zuccarini Bianca; della Dott.ssa Anna Maria Pizzorno, psicologa del Centro La Fenice di Teramo per l’accoglienza e l’assistenza delle donne vittime di violenze e maltrattamenti; dell’Avv. Olga Piergallini, da San Benedetto Del Tronto; del Dott. Alessandro Perfetti, docente presso l’Università degli Studi di Teramo; della Dott.ssa Caterina Germani, esperta di autodifesa consapevole e, infine, del Prof. Luigino Iobbi che ha illustrato all’attento pubblico un’altra importante iniziativa realizzata in collaborazione con le varie amministrazioni comunali della zona per la sicurezza delle donne, il corso gratuito di autodifesa femminile, la cui seconda edizione ha preso il via lo scorso 10 aprile.

I temi trattati, con il contributo di supporti audiovisivi di forte impatto emotivo sul fenomeno della violenza verso le donne, sono stati: autostima, autodeterminazione e autorealizzazione economica e personale come strumenti a disposizione delle donne per sconfiggere la violenza; l’importanza della diffusione di una cultura dei diritti della donna nella società; l’analisi quantitativa e qualitativa del fenomeno della violenza sulle donne nella realtà locale della provincia di Teramo attraverso il lavoro svolto dal Centro antiviolenza La Fenice; le principali caratteristiche che individuano la psicologia dell’aggressore e della vittima delle violenze; i fenomeni rilevanti e continuamente in crescita del maltrattamento in famiglia, dello stalking e del mobbing, attraverso un’analisi giuridica di casi concreti; la condizione della donna e la protezione della donna da atti di violenza e di discriminazione sul piano internazionale e le iniziative intraprese dagli Stati per contrastare tali fenomeni; la cultura "maschilista" e la possibilità di reazione alle violenze attraverso il recupero delle più profonde forze ed energie del mondo femminile, nonchè la continua necessità di informare su un fenomeno, quella delle violenze e dei maltrattamenti alle donne, che le statistiche mostrano di notevoli dimensioni, ma che per la sua stessa natura tende a sfuggire alla percezione delle persone e a nascondersi nel silenzio che circonda le vittime.

Nella sala gremita di pubblico, si sono contati circa centottanta spettatori, presenti le autorità del Comune di Giulianova, dell’Università degli Studi di Teramo, del Comune di Mosciano S. Angelo, e del Comune di Corropoli, del Consorzio Ambito Sociale Tordino, e altri ancora tra cui esponenti del mondo del volontariato impegnati nell’aiuto alle donne vittime di violenze, come la neonata Associazione Thana, di Giulianova.
Obbiettivo dell’incontro era portare ad una intima riflessione su un fenomeno, quello delle violenza sulle donne, che spesso si percepisce distante, ma che i dati messi in evidenza dimostrano essere più presente nel quotidiano di tutti noi di quanto si possa, o voglia immaginare, con fenomeni il più delle volte meno eclatanti di quelli che i media mettono in primo piano, ma dai risvolti e dalle conseguenze altrettanto devastanti per le vittime: promuovere una campagna informativa che punti a snidare la cultura che produce la violenza aiutando la donna ad "uscire dal silenzio".
Durante l’incontro, a sorpresa, è stato regalato a tutte le donne una gerbera colorata,
"… un gesto di scusa da parte di noi uomini a voi tutte donne …",
come con forza ha sottolineato il Dott. Lera ad una platea commossa.


Prof. Luigino Iobbi,
Curatore e Responsabile del convegno

PER INFORMAZIONI:
Segreteria Tel/Fax 085/8006410 – Cell 339/7890026
info@luiginoiobbi.com - info@masteringpower.com